#TiPresentoIlGestore

Il gestore rappresenta per Retitalia la figura centrale e imprescindibile della stazione di rifornimento.

Da qui nasce #TiPresentoIlGestore, un’area dedicata in cui presentiamo i nostri gestori e raccontiamo, attraverso una intervista, la loro storia, le loro curiosità e la loro esperienza con Retitalia.

Buona lettura!

Luigi Parlangeli, gestore di due impianti a marchio Esso ubicati nella zona di Vicenza

R: Buongiorno Signor Parlangeli, è un piacere incontrarLa e coinvolgerLa in questa iniziativa. Ci aiuti a conoscerLa: quando e come ha deciso di intraprendere questa attività?

P: Buongiorno, piacere mio. Sono felice di partecipare a questa iniziativa.

Ho iniziato questo lavoro nel 2004, inizialmente per curiosità…e poi è nata una passione!  Sono ormai vent’anni che opero nel settore.

R: Cosa Le piace e cosa meno di questo lavoro?

P: Mi piace molto il mio lavoro, mi piace relazionarmi con la clientela e mi dà molta soddisfazione quando il cliente torna nel mio punto vendita una seconda, una terza volta, diventando un cliente fedele ed abituale. Quando questo avviene mi sento gratificato e motivato.

L’aspetto burocratico è, invece, il lato che definisco più “noioso” della mia professione.

R: Cosa rappresenta per Lei la figura del gestore?

P: La figura del gestore per me è, senza dubbio, essenziale per il cliente.

Considero la presenza del personale sul punto vendita un valore aggiunto rispetto ad un impianto non presidiato.

Ma la figura del gestore è rilevante anche per la compagnia di riferimento, in quanto consente un controllo sul punto vendita oltre ad occuparsi della gestione e della sicurezza dell’impianto.

R: Come valuta il Suo rapporto con Retitalia?

P: Collaboro con Retitalia dal 2014 e considero il mio rapporto con l’azienda decisamente positivo, per la presenza e la disponibilità. Ho avuto, ad esempio, l’opportunità di partecipare al primo workshop di formazione Academy Retitalia, che ho ritenuto molto utile ed interessante. I corsi di formazione, a mio parere, sono essenziali per rimanere sempre aggiornati ed essere preparati ad operare in questo settore così complesso e in cambiamento.

R: Ci fa molto piacere ricevere un feedback positivo, frutto dell’impegno e della collaborazione reciproca. Tralasciando l’aspetto burocratico, ritenuto da lei l’aspetto più “negativo” del suo lavoro, come vede complessivamente la sua professione?

P: Sono contento del mio lavoro. Chiaro, ci vuole impegno. Trascorro gran parte del mio tempo sul punto vendita, ma lo faccio con piacere perché mi piace la mia professione e ne sono gratificato. Come in tutte le cose ci sono sicuramente degli aspetti che migliorerei, ma, nel complesso, sono soddisfatto.

R: La ringraziamo per il Suo contributo. Grazie e buon lavoro!

P: Grazie a voi!

Antonio Doneddu, gestore di tre impianti a marchio Esso ubicati nella zona di Verona

R: Buongiorno Signor Doneddu, inauguriamo con Lei questo nuovo progetto #TiPresentoIlGestore! Ci racconti qualcosa di Lei: da quanto tempo fa questo lavoro?

D: Buongiorno, piacere mio. Sono felice di partecipare a questa iniziativa. Dunque, opero in questo settore dal 2006… una passione tramandata da mio padre che gestiva un punto vendita in Sardegna, la mia terra di origine. Mia moglie collabora con me, sempre presente sul punto vendita.

R: Cosa Le piace di questo lavoro?

D: Amo il mio lavoro. A volte è faticoso, non è sempre semplice. Ma a me piace passare molto tempo sull’impianto. L’aspetto che mi piace di più è proprio la relazione col cliente. Ci tengo molto all’immagine e al servizio. Offrire assistenza e supporto al cliente vuol dire per me lavorare bene. Cerco di creare un buon rapporto con lui per far sì che sia soddisfatto e che abbia piacere di tornare da me.

R: Ci spieghi meglio. Cosa rappresenta per Lei la figura del gestore?

D: La figura del gestore per me è essenziale sulla piazzola. Spesso il cliente necessita di assistenza, non solo quando effettua il rifornimento in modalità servito, ma anche per quanto utilizza il self. Può succedere infatti che vi siano problematiche per cui ha bisogno dell’aiuto del gestore. Oppure ha bisogno di supporto per la cura dell’auto nel suo complesso, un consiglio o un semplice e rapido controllo tecnico.

Si tratta di piccole cose che però possono fare la differenza tra un impianto con la presenza del gestore e un impianto solo Fai Da Te, senza il personale.

R: Come valuta il Suo rapporto con Retitalia?

D: Sono molto soddisfatto. Ho trovato un partner disponibile e pronto ad ascoltarmi e, quando possibile, ad aiutarmi e supportarmi. Mi sento in sinergia con l’Azienda e penso che sia davvero importante la condivisione degli obiettivi per collaborare in modo efficiente.

R: Un bilancio positivo, dunque. Quale è il Suo segreto?

D: Certamente mi reputo molto fortunato. Ho la possibilità  di gestire due impianti molto belli e ora ne ha acquisito anche un terzo ubicato sempre nella provincia di Verona.

Certo, mi impegno molto. E questo proprio perché sono gratificato dal mio lavoro. La mia passione è sicuramente un elemento che fa la differenza perché rende gli sforzi e i sacrifici appaganti e stimolanti.

R: La ringraziamo per il Suo contributo e Le auguriamo un ottimo futuro, sperando di superare presto tutti insieme questo momento difficile dovuto all’emergenza sanitaria. Ci auguriamo davvero che la Sua passione resti sempre viva. Grazie e a presto!

D: Grazie a voi!